Alimentazione, Informazione!

Un ormone dell’intestino evita tumori al fegato

Un terzo dei tumori nasce a tavola: non conta solo quanto o cosa, ma anche quando si mangia

C’è un cortocircuito nella comunicazione ormonale tra fegato e intestino all’origine di alcune forme di epatocarcinoma che colpiscono i bambini. Lo ha dimostrato uno studio finanziato dall’Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc) che è stato pubblicato su Epathology.

«Questi tumori si scatenano quando gli acidi biliari si accumulano nel fegato, perché la bile, indispensabile per la digestione, continua a essere prodotta anche quando non serve», spiega uno degli autori della ricerca, il professor Moschetta dell’Università degli studi di Bari. 

Stress tossico
L’ipersecrezione di bile induce uno stato di stress tossico nel fegato che così sviluppa fibrosi. Queste possono poi trasformarsi in epatocarcinomi, tumori al fegato. «Tutto ciò succede, perché il fegato non “parla” più con l’intestino – dice Moschetta – noi abbiamo scoperto qual è il “messaggio” che viene a mancare: si tratta di un nuovo ormone, secreto dall’intestino in relazione all’assunzione di nutrienti e molto importante per segnalare al fegato di bloccare la produzione di bile. 

Lo abbiamo reinserito in modelli di studio e abbiamo visto che questo ha protetto completamente dalla formazione del tumore». Risultati promettenti anche per lo sviluppo di più efficaci terapie per l’uomo.

«Nel prossimo futuro l’approccio metabolico che mira a interferire con la “benzina” che fa crescere i tumori promette di rivoluzionare la cura del cancro», assicura Moschetta. 

Tre milioni e trecentomila morti di cancro nel mondo, sono correlate a rischi legati al comportamento e al metabolismo. 
Oltre il 40% delle morti per cancro potrebbero essere facilmente prevenibili modificando gli stili di vita. 

Tra i fattori di rischio, oltre al fumo (il principale indiziato con 1,5 milioni di decessi all’anno), ci sono scarsa attività fisica, obesità, una dieta con eccesso di sale, alcol, basso consumo di frutta e verdura, e, seppure in minor misura, l’eccesso di carne rossa e processata. 

«In particolare, un terzo dei tumori nasce a tavola e questo non dipende solo da quanto o cosa si mangia, ma anche dal quando». 

Stress tossico
Di tutto ciò si occupa la nutrigenomica, la scienza che studia l’interazione tra cibo e patrimonio genetico: «Indaga cioè come i nutrienti attraverso l’interazione con gli interruttori del Dna sono in grado di “accendere” e “spegnere” i nostri geni e quindi di predisporre oppure no ai tumori». 

La nutrigenomica 
Proprio la nutrigenomica insegna che per chi tende all’obesità non solo bisogna limitare i cibi ad alto indice glicemico, ma anche fare attenzione all’ora in cui si mangia. 
«Se si sceglie di mangiare un bel piatto di pasta o una fetta di torta, la cosa migliore è farlo di giorno, a pranzo o a colazione. Gli zuccheri assunti con la dieta vengono convertiti in grassi nel fegato. L’assunzione di zuccheri alla sera, quando la richiesta di glucosio da parte degli organi è fortemente ridotta, fa sì che i grassi, generati dagli zuccheri, si depositino nel fegato generando il cosiddetto fegato grasso mentre alcuni di essi possono depositarsi nella zona addominale».

A sua volta l’accumulo di grasso nella regione addominale aumenta il rischio di sviluppare molte malattie, tra cui anche alcune forme di tumore. 

(di Elena Tebano)

Fonte: Pubblicazione LILT “Prevenire Insieme”


Logo LILT

Seguiteci anche sul nostro sito internet:
www.liltbolzanobozen.com

I nostri collaboratori:

fare-un-giornalino_01

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...