Alimentazione, Prevenzione Alimentare, Prevenzione Oncologica

L’angolo della dietista – Il radicchio

Il radicchio è composto da sostanze benefiche chiamate antocianine che sono le incaricate di dare il colore rosso e viola al radicchio. Studi fatti sulla popolazione hanno trovato un basso rischio di malattie cardiovascolari quando il consumo di alimenti ricchi di  antocianine e fitochimici era alto. Il radicchio è così ricco di nutrienti che da mezza tazza di radicchio puoi ottenere quasi il 50% del fabbisogno di vitamina C della giornata e anche una buona quantità di fibre, Vitamina A e potassio.

Alcuni studi fatti in laboratorio hanno trovato che i composti sulfurei, i quali si formano dai glucosinolati, possono contrastare la progressione verso il cancro di prostata. L’alto consumo di fibre e verdure come il radicchio potrebbe diminuire il rischio di cancro al colon retto e alle vie aerodigestive. Alcuni studi di evidenza limitata indicano che  l’alta ingestione di vitamina C può diminuire il rischio di sviluppare cancro al polmone.

L’habitat perfetto per coltivare il radicchio è il nord Est dell’Italia, è per questo che in Veneto troviamo ben 4 varietà IGP di radicchio: il radicchio rosso di Treviso, il radicchio di Chioggia, il radicchio variegato di Castelfranco e il radicchio di Verona. 

Quale varietà di radicchio è il vostro preferito?

Questa settimana vi propongo la “misticanza invernale” un piatto di facile preparazione che ha come ingrediente base appunto il radicchio, .
Per questa preparazione vi consiglio di scegliere un radicchio fresco e tenero che sarà più dolce è più ricco di vitamina C e visto che non c’è bisogno di cuocere il vegetale avremmo una grande percentuale di vitamina C nel nostro piatto.
Il sapore amarognolo del radicchio si intensifica man mano che esso invecchia, per questo motivo il radicchio “fresco” è ideale per le preparazioni a crudo, mentre quello “passato” essendo più amarognolo si presta meglio per ricette che hanno la necessità di cuocerlo. 

La misticanza invernale

Tempo di preparazione: 10 minuti 
Difficoltà: facile

INGREDIENTI X 4 PERSONE

  • 200 g rucola
  • 200 g radicchio
  • 2 Mele tagliate a fette
  • 40 g di Noci 
  • 2 Melograni (solo i chicchi)
  • 200 g di couscous (peso a crudo)
  • 90 g di fagioli secchi, oppure 270 g di fagioli cotti
  • olio extravergine di oliva qb
  • alloro qb
  • spicchi d’aglio qb

Per il condimento:

  • 2 cucchiai di senape
  • 2 cucchiai di sciroppo d’acero
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiai di limone

PREPARAZIONE

Iniziamo

Per iniziare, mettere i fagioli secchi in ammollo almeno un giorno prima, più tempo passano in ammollo, più digeribili saranno e il tempo di cottura si ridurrà ancora di più. Per cuocerli, mettere i fagioli in una pentola, aggiungere acqua fino a 3 volte il volume dei fagioli, poi aggiungere l’aglio e gli aromi come l‘alloro.
Cuocerli senza sale ed a fuoco medio fino ad ebollizione e poi a fuoco basso e semicoperti, per evitare che si rompa la buccia e perdano la forma;  i fagioli ben cotti sono quelli che mantengono la forma senza rompersi.

ll tempo di cottura dei fagioli varia: se viene fatta con una pentola tradizionale sarà necessario cuocerli tra  1 e 2 ore; se invece si cuociono in pentola a pressione, il tempo si riduce di tre volte ed saranno necessari solo 30 minuti. 

Per cuocere il couscous precotto, aggiungere del brodo vegetale in pari peso al couscous e lasciarlo riposare 10 minuti. Passato questo tempo, separare i grani di couscous con i rebbi di una forchetta ed aggiungere un cucchiaio di olio e il sale.

Quando sarà tutto cotto, mettete in una ciotola capiente fagioli e couscous e mescolateli con la rucola, il radicchio a strisce, le fette di mele, i chicchi di melograno e le noci.

Per ultimo, prepariamo il condimento mescolando la senape, lo sciroppo d’acero, l’olio e il limone che verrà servito in una ciotolina a parte in modo che ognuno possa condire a il piatto secondo i propri gusti.

Buon appetito da Angelica

Se avete dubbi, domande o richieste particolari vi ricordo che potete scrive alla “Posta di Angelica” al seguente indirizzo di posta elettronica

angelica.liltbolzano@gmail.com



Seguiteci anche sul nostro sito internet:
www.liltbolzanobozen.com

I nostri collaboratori:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...