Alimentazione, Informazione!

Un tesoro della natura “i peperoni”

Ed eccoci di nuovo con il nostro “Angolo della Dietista” che questa settimana tratta un nuovo prodotto della natura estremamente prezioso per la nostra alimentazione ed una nuova ricetta.

Furono gli spagnoli i primi a portare in Europa dei deliziosi  “Pepe del Brasile” , che poi sono diventati famosi con il nome di “peperoni”,  alla fine del secolo XVI. Nei secoli seguenti il loro uso si è diffuso nelle diverse cucine tradizionali del mondo ed in Italia dal nord al sud i peperoni sono usati versatilmente in diversi piatti.
Questo frutto di origine mesoamericana, il cui nome scientifico è “Capsicum annum” fa parte della famiglia botanica delle solanacee a cui appartengono anche le patate, i pomodori e le melanzane, anche loro “tesori” della stagione bella.

Ci sono tante le qualità di peperoni, questi sono classificati in base alla dolcezza (dolci o piccanti), alla forma (quadrata, allungata, conica, globosa) e ai colori (gialli, verdi, rossi, viola), ma sono 15 le qualità di peperoni che puntualmente bisogna conoscere, perché sono un dono delle terre italiane secondo la Slow Food:

  • Peperoni di pontecorvo DOP
  • Peperone di Carmagnola Igp
  • Peperone di Senise Igp
  • Peperone Quadrato di Asti
  • Peperone di Capriglio
  • Papaccella napoletana
  • Friggitello Torricello 
  • Peperone dolce di Altino
  • Peperone di Polizzi Generosa
  • Cappello del Vescovo
  • Corno di Toro giallo
  • Peperone Trottolino
  • Peperone Topepo
  • Peperone Sigaretta biondo
  • Peperone Nostrano

I peperoni hanno un contenuto di nutrienti ottimale; sono ricchi di vitamina A e C, di potassio, fibre e la capsaicina di cui vi parlerò più avanti. Inoltre, hanno proprietà antiossidanti e diuretiche.

Come sceglierli
Quando sceglierete dei peperoni, osservate che il picciolo stia ben attaccato, teso e turgido, che la pelle sia lucida, tesa e priva di ammaccature e che la carne (polpa) sia soda al tatto. Attenzione al grado di maturità! Se sono ben maturi avranno un gusto dolciastro, se immaturi saranno leggermente amari ma buoni.

Furono gli spagnoli i primi a portare in Europa dei deliziosi  “Pepe del Brasile” , che poi sono diventati famosi con il nome di “peperoni”

Proprietà 
La Capsaicina è un fitochimico bioattivo abbondante nei peperoni rossi e anche nel peperoncino. Nei primi si trova nei semi, nella polpa, ma anche nella placenta (nella parte bianca interna dei peperoni) in una concentrazione tra 0 – 500 Unità Scoville di Capsaicina. Le Unità Scoville sono il sistema di misurazione del grado di piccantezza, per poter fare un paragone vi riporto le unità presenti nel peperoncino habanero: ha  fino a 300.000 Unità Scoville di Capsaicina. 

La Capsaicina è ampiamente studiata per i suoi effetti benefici: come l’effetto cardioprotettivo,  antilitogeno (inibiscono la formazione di calcoli), antinfiammatorio e analgesico, nonché l’influenza termogenica e gli effetti benefici sul sistema gastrointestinale. Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che i capsaicinoidi hanno la capacità di lenire il dolore, ad esempio, hanno trovato che l’applicazione topica della Capsaicina allevia il dolore nell’artrite, nella nevralgia postoperatoria, nella neuropatia diabetica, nella psoriasi, ecc. 
Non solo, la Capsaicina ha anche una influenza ipocolesterolemizzante benefica per la salute del cuore e previene anche la formazione dei calcoli biliari di colesterolo (sono dei piccoli sassolini che si formano nella cistifellea per un eccesso di sali o di colesterolo nella bile) e protegge l’integrità degli eritrociti in condizioni di ipercolesterolemia.
Si è dimostrato, anche, che la Capsaicina è un importante alleato nella prevenzione del cancro;  il potenziale chemiopreventivo della Capsaicina è stato evidenziato in diversi studi, così come le sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. È stato dimostrato che la Capsaicina altera l’espressione di diversi geni coinvolti nella sopravvivenza, arresto della crescita, angiogenesi e metastasi delle cellule tumorali.
Recentemente, molti gruppi di ricerca hanno scoperto che la Capsaicina in diversi tipi di cancro prende di mira le vie di segnalazione, gli oncogeni e i geni oncosoppressori.

Dopo aver descritto questo tesoro della natura che sono i peperoni vi allego un’idea per portarli in tavola e consumarli.

PEPERONI RIPIENI CON MOZZARELLA E ACCIUGHE 

Questa ricetta è veramente facile e può essere annoverata tra una di quelle nominate “svuotafrigo”, che sono sempre utili per evitare gli sprechi di cibo. In questa occasione ho usato la mollica del pane ma si può sostituire, ad esempio, con del pangrattato,  o il riso che, avanzato dal giorno prima, può essere condito con delle verdure  e far parte del ripieno dei peperoni.  

Durata:   40 minuti
Porzioni: 4 persone

INGREDIENTI

  • 2 peperoni 
  • 200 gr di mozzarella 
  • 130 gr di mollica di pane
  • 35 gr di capperi dissalati
  • 120 gr di passata di pomodoro
  • 1 uovo
  • 3 filetti di acciuga sott’olio
  • prezzemolo
  • olio extravergine d’ oliva

PREPARAZIONE


Mescolate la mollica del pane con i capperi, il prezzemolo, l’uovo, la passata di pomodoro. Dividete i peperoni a metà nel senso lungo, puliteli dei semi e dei filamenti bianchi interni e poi disponete i mezzi peperoni su una teglia foderata di carta da forno e riempiteli con la mollica precedentemente preparata.
Cospargeteli di olio e infornate a 180 °C per 20’.
Mentre si cuociono tagliate la mozzarella e le alici a pezzettini e mescolatele. 
Sfornate i peperoni e ricoprite con il mix di mozzarella-alici e  infornateli di nuovo per 5-6 minuti. 
Quando sono pronti potete servirli decorandoli con un po’ di prezzemolo sparso sopra.

Gustateli e fatemi sapere cosa ne pensate scrivendomi ad angelica.liltbolzano@gmail.com

Dott.ssa Angelica Sagrawa

BIBLIOGRAFIA

Srinivasan K. Biological Activities of Red Pepper (Capsicum annuum) and Its Pungent Principle Capsaicin: A Review. Crit Rev Food Sci Nutr. 2016 Jul 3;56(9):1488-500. doi: 10.1080/10408398.2013.772090. PMID: 25675368. Link: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25675368/

Clark R, Lee SH. Anticancer Properties of Capsaicin Against Human Cancer. Anticancer Res. 2016 Mar;36(3):837-43. PMID: 26976969. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26976969/

Yang Y, Zhang J, Weiss NS, Guo L, Zhang L, Jiang Y, Yang Y. The consumption of chili peppers and the risk of colorectal cancer: a matched case-control study. World J Surg Oncol. 2019 Apr 17;17(1):71. doi: 10.1186/s12957-019-1615-7. PMID: 30995922; PMCID: PMC6472026.
Link: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30995922/

Chapa-Oliver AM, Mejía-Teniente L. Capsaicin: From Plants to a Cancer-Suppressing Agent. Molecules. 2016 Jul 27;21(8):931. doi: 10.3390/molecules21080931. PMID: 27472308; PMCID: PMC6274000.
Link: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27472308/
 
Rotelli MT, Bocale D, De Fazio M, Ancona P, Scalera I, Memeo R, Travaglio E, Zbar AP, Altomare DF. IN-VITRO evidence for the protective properties of the main components of the Mediterranean diet against colorectal cancer: A systematic review. Surg Oncol. 2015 Sep;24(3):145-52. doi: 10.1016/j.suronc.2015.08.001. Epub 2015 Aug 8. PMID: 26303826.
Link: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26303826/

Mosqueda-Solís A, Lafuente-Ibáñez de Mendoza I, Aguirre-Urizar JM, Mosqueda-Taylor A. Capsaicin intake and oral carcinogenesis: A systematic review. Med Oral Patol Oral Cir Bucal. 2021 Mar 1;26(2):e261-e268. doi: 10.4317/medoral.24570. PMID: 33609025; PMCID: PMC7980287.
Link: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33609025/


Seguiteci anche sul nostro sito internet:
www.liltbolzanobozen.com

I nostri collaboratori:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...