Iniziative LILT, Prevenzione Oncologica

Problemi di nei? Rivolgiti a LILT Bolzano

Ambulatorio di consulenza dermatologica

Da poche settimane ha preso il via presso la sede della LILT a Bolzano in piazza A.W. Loew Cadonna 10 un Ambulatorio di Cosulenza Dermatologica.
L’ambulatorio è curato dal dermatologo dott. Franco Perino (già Vice Primario del Reparto di Dermatologia dell’Ospedale di Bolzano).
L’iniziativa ha riscosso immediatamente un grande successo, infatti in pochi giorni sono stati prenotati tutti gli appuntamenti messi a dispozione dal medico.

Non è una “campagna” per cui le visite non vengono concentrate nel giro di una settimana o di un mese, quindi l’Ambulatorio della LILT continuerà la propria attività durante tutto l’anno, compatibilmente con la disponibilità del medico.
Il dott. Franco Perino dedicherà gli appuntamenti allo Screening Total Body, per pazienti a partire dall’età di 15 anni in su, relativamente ai tumori cutanei.
L’accesso sarà riservato ai Soci LILT che potranno usufruire gratuitamente del servizio, ma esclusivamente con prenotazione obbligatoria.
Per informazioni e prenotazioni contattate quindi la Segreteria LILT telefonando in orario d’ufficio allo 0471/402000 o scrivendo ad info@liltbolzanobozen.com

Ed ora vi proponiamo l’estratto di un testo che il dott. Franco Perino ha scritto relativamente ai tumori cutanei e che ha pubblicato lo scorso giugno sulla rivista on line IOVIVOBENE.

I tumori cutanei

Negli ultimi anni vi è stato un notevole aumento di tumori della pelle, in seguito alla non corretta esposizione ai raggi ultravioletti. Si localizzano prevalentemente nelle zone foto esposte (viso, cuoio capelluto in caso di calvizie, dorso mani).
I tumori più frequenti sono le cheratosi attiniche, che in Italia colpiscono l’1,4% di chi ha più 45 anni e il 3% di chi è oltre i 70. Hanno l’aspetto di cheratosi con alone rosso, più o meno rilevate. Sono carcinomi “in situ”, cioè in fase inziale e molto lentamente possono evolvere verso forme invasive.

dott. Franco Perino

I basaliomi sono il secondo tumore per frequenza. Hanno una incidenza di 22,8 ogni 100.000 donne e di 31,9 ogni 100.000 uomini. Hanno l’aspetto di macchie o papule rosee, che aumentano lentamente di grandezza e possono invadere e distruggere i tessuti circostanti. Raramente danno metastasi.
I carcinomi spinocellulari sono un po’ meno frequenti (nelle donne 2,4 casi ogni 100.000, e nell’uomo 4,2) ma possono causare metastasi, cioè diffondersi ai linfonodi e in altri organi. Spesso hanno l’aspetto di noduli, che si ulcerano. Possono comparire anche al labbro inferiore, dove sembrano una “ferita”, che non guarisce.

Il tumore più grave è il melanoma, che ha origine dai melanociti. Nell’ultimo decennio la sua incidenza è aumentata del 15%; dal 2019 al 2020 l’aumento è stato del 20%.

In Italia colpisce 7.000 persone l’anno, di età compresa soprattutto fra i 30 ed i 60 anni. Di solito ha l’aspetto di una macchia marrone. Per sospettare un melanoma è utile applicare la regola internazionale dell’ABCDE.
Una macchia è sospetta quando è Asimmetrica, con Bordo irregolare, di Colore non omogeneo (alcune aree marrone, altre più chiare o più scure), di Diametro superiore a 6 millimetri e che Evolve, cioè cresce.

Quando individuato precocemente lo si può asportare chirurgicamente evitando così che si diffonda e dia metastasi.
Le cheratosi attiniche e i carcinomi spinocellulari sembrano in gran parte causati dalla esposizione cronica ai raggi ultravioletti (danno cumulativo) e colpiscono soggetti adulti e anziani che nella loro vita sono stati molto all’aperto per motivi professionali (in particolare muratori, contadini, marinai) e persone con pelle molto chiara, predisposta alle scottature, che si sono esposte molto ai raggi ultravioletti.

I basaliomi ed i melanomi sembrano più correlati al numero di scottature solari avute in età infantile e adolescenziale, da qui l’importanza di una adeguata protezione solare in questa fascia di età.
Sono importanti anche altri fattori come la predisposizione genetica (è più colpito chi ha la cute molto chiara, che non si abbronza), una condizione di immunodepressione, insufficienza renale cronica ecc.


Quindi esponiamoci al sole, ma con molta attenzione e cautela seguendo sempre i consigli del nostro dermatologo.
Per una migliore informazione pubblichiamo qui di seguito la tabella dei FOTOTIPI con le caratteristiche dei vari tipi di pelle e l’azione che il sole provoca su di loro.








  • Leggi anche la nostra rivista LILT MAGAZINE
    chiedila alla nostra segreteria allo 0471/402000
    o scaricala da questo link

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lilt-logo-copia-6.png


Seguiteci anche sul nostro sito internet:
www.liltbolzanobozen.com

I nostri collaboratori:

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fare-un-giornalino_01.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...